Il comitato No Piro incontra il nuovo sindaco di Borgofranco D’Ivrea

insieme-x-borgoIn data 3 Luglio 2014, due membri del Comitato NO PIRO, Paola e Davide, sono stati ricevuti dal sindaco di Borgofranco, come richiesto dal Comitato, per poter avere un aggiornamento ufficiale sulla situazione in merito al Pirogassificatore.

La necessità del confronto è emersa a seguito di alcune notizie comparse sulla stampa e per via di un certo “fermento” all’interno del palazzo comunale.

Nell’incontro, a cui erano presenti il sindaco Livio Tola, la vicesindaco S.Guglielmetti, la consigliera I.Clemente e l’avv. Accattino, sono state poste diverse domande e abbiamo potuto raccogliere le seguenti informazioni:

  • La soc. Comimet sembra aver preso atto che i cittadini di Borgofranco sono contrari al progetto del pirogassificatore, posizione chiaramente espressa con le varie manifestazioni, ma soprattutto con il voto di Maggio.
  • Obiettivo del progetto industriale era l’impianto di grosse dimensioni che a questo punto sembrerebbe scongiurato. Alla luce di quanto è emerso è evidente che la posizione del comitato Nopiro è stata giusta fin da subito: opporsi fortemente contro la sperimentazione proprio perché sarebbe stata propedeutica all’ingrandimento dell’impianto (che avrebbe portato da 200 a 2.000 i kg di rifiuti industriali bruciati ogni ora).
  • La soc. Comimet dal momento che ha affrontato dei costi per la predisposizione dell’area sarebbe disposta a valutare un nuovo progetto, alternativo al trattamento a caldo dei rifiuti, in condivisione con la giunta Tola.
  • La giunta Tola ha dichiarato che sarà suo impegno monitorare affinché il pirogassificatore venga smantellato. Sono stati, inoltre, avviati una serie di contatti anche con i comuni limitrofi perché si faccia seguire alla firma del “patto per il territorio” un progetto alternativo e condiviso x l’area ex-Alcan.
  • In merito alla gestione dei rifiuti urbani la giunta sta lavorando ad un progetto di tariffa puntuale.

Le notizie che abbiamo potuto raccogliere sono molto interessanti e sono sicuramente motivo di soddisfazione ed orgoglio per tutti i membri del comitato Nopiro che si è sempre battutto per informare i cittadini e per evitare che si distogliesse l’attenzione dall’obiettivo primario: bloccare il progetto del pirogassificatore in toto, a partire dalla sperimentazione.

Nonostante ciò abbiamo voluto chiarire fin da subito che il ruolo del Comitato Nopiro non è per nulla finito a partire dal fatto che nessuno abbasserà la guardia fino a che l’impianto non sarà smantellato.

In secondo luogo abbiamo voluto sottolineare al sindaco Tola alcuni aspetti che riteniamo importanti:

  • Il progetto tariffa puntuale ed eventuale gestione indipendente dei rifiuti richiede competenze specifiche ed è bene che il Comune di Borgofranco valuti con molta attenzione i progetti che potrebbero arrivare dall’alto (SCS in primis) e che si attivi personalmente a cercare eventuali strade alternative.
  • E’ fondamentale che il Comune avvii un progetto di monitoraggio ambientale volto innanzitutto a verificare il reale stato di bonifica dell’area ex-Alcan e in secondo luogo a misurare il grado di contaminazione dei terreni, delle falde, dei pozzi e delle fonti idriche dell’area Alcan-Campagnola che sono oggetto di attività agricole.

Il Comitato continuerà a svolgere il suo ruolo di osservatore anche in questa fase delicata di transizione mantenendo tutte le attività in essere come ad esempio il progetto unghie.

Questa voce è stata pubblicata in Comunicato Informativo, Intervista, Lettera Aperta, Notizia, Pirogassificatore, Politica, Rifiuti Zero, Verbali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*