La Centrale a carbone di Tirreno Power in Liguria … sporca da morire!

La notizia è di questi giorni: “Senza la centrale Tirreno Power di Vado Ligure, tanti decessi non vi sarebbero stati”. Sono dure le parole del procuratore di Savona Francantonio Granero sulla società che fa capo ai francesi di Gdf (50%) e alla Cir della famiglia De Benedetti (39%).

protesta M5S contro centrale tirreno powerQuattrocento decessi e 1700-2000 ricoveri di adulti per malattie respiratorie e cardiovascolari tra 2000 e 2007, 450 bambini ricoverati per patologie respiratorie e per attacchi d’asma tra 2005 e 2012.

Sono numeri incredibili già trapelati dalle carte della consulenza realizzata per la Procura di Savona nel contesto dell’inchiesta su Tirreno Power, ma che hanno avuto oggi dal procuratore Granero una conferma se possibile ancora più inquietante: questi dati, reali e non frutto di un calcolo su algoritmo, sarebbero da attribuire esclusivamente alle emissioni di Tirreno Power, escludendo quindi il traffico automobilistico, altre aziende della zona, le ciminiere delle navi.

Molto ampia la «zona di ricaduta» delle emissioni stesse. Qui la consulenza prende in esame due diverse ipotesi, una basata sulla sperimentazione pratica e l’altra su calcoli matematici. La cartografia di entrambe è inquietante: nella versione “pratica” si evidenzia una zona “rossa” che ingloba quasi completamente il perimetro di Savona, più Vado, Quiliano e Bergeggi con proiezioni verso l’entroterra, Albisola e Varazze, e una seconda enclave nella zona tra Noli e Finale. La versione “matematica” presenta una zona rossa molto estesa che va da Albisola al Finalese alla Val Bormida.

Cerca altre informazioni sulla centrale a carbone Tirreno Power di Vado Ligure

Questa voce è stata pubblicata in Combustione, Inceneritore, Notizia, Salute. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento