Settimo, Carema e Quincinetto sono favorevoli alla Vita

svit-care-quincLe amministrazioni comunali di Settimo Vittone, Carema e Quincinetto in questi giorni hanno dimostrato di essere favorevoli alla vita e alla salute dei propri cittadini, ribadendo di essere contrari a bruciare i rifiuti tramite PIT: Pirogassificatori, Inceneritori o Termovalorizzatori, approvando nei rispettivi Consigli Comunali la mozione e delibera proposta dal comitato NO PIRO.

Fa piacere constatare che questi tre paesi hanno conservato una loro identità e sono consapevoli di averla. Non si tratta di campanilismo, tutt’altro! Le condizioni di collaborazione tra i paesi ci sono tutte, ma rispettano due principi: Produrre ricchezza e ridistribuirla tra gli abitanti.

Questi Comuni hanno scelto di evitare di farsi stritolare da grandi interessi politici ed economici incontrollabili, trasversali e dannosi per la comunità, distinguendosi dal comune di Borgogfranco d’Ivrea, alcuni chilometri più in la, che invece sta acconsentendo che venga impiantato sul proprio territorio un brucia-rifiuti sperimentale, meglio noto come Pirogassificatore.

Approvando la delibera, gli Amministratori di questi comuni, hanno ribadito la volontà di proseguire la giusta e doverosa pratica di valorizzare il territorio e i prodotti locali, evitando pericolosi e deleteri intrallazzi trasversali tra politici, imprenditori e privati, che con il tentativo di costruire un inceneritore di rifiuti industriali, inquinerebbero i prodotti della terra con tanta fatica valorizzati, nonché le persone che su quella terra ogni giorno ci vivono.

Grazie alle Amministrazioni Comunali di Carema, Quincinetto e a Settimo Vittone! Non siete le retrovie della modernità ma l’avanguardia della realtà.

Questa voce è stata pubblicata in Comunicato Informativo, Delibera, Inceneritore, Notizia, Politica, Rifiuti Zero. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*